A.T.A. - ACOUSTIC TARAB ALCHEMY
(Tunisia/Italia)

AMRAT HUSSAIN BROTHERS TRIO
(India)

BOLLYWOOD MASALA ORCHESTRA - Spirit of India
(India)

CUSTODIO CASTELO
(Portogallo)

DHOAD I GITANI DEL RAJASTHAN
(Rajasthan, India)

FORRÓ MIÓR
(Argentina/Brasile/Italia/Portogallo)

GIACOMO LARICCIA
(Italia)

HOUCINE ATAA
(Tunisia)

JAIPUR MAHARAJA BRASS BAND
(India)

JOHANNA JUHOLA
(Finlandia)

LA ETRURIA CRIMINALE BANDA
(Italia)

LOS PACHAMAMA
(Messico)

LUISA COTTIFOGLI
(Italia)

MATT DARRIAU'S PARADOX TRIO
(Stati Uniti)

MOHAMMAD REZA MORTAZAVI
(Iran)

MORGANE JI
(La Réunion)

SHENG DON (A MOVING SOUND)
(Taiwan)

TENORES DI BITTI Remunnu 'e Locu
(Sardegna)


TENORES DI BITTI Remunnu 'e Locu

DANIELE COSSELLU - boche e mesa 'oche PIERLUIGI GIORNO - contra MARIO PIRA - bassu - boche e mesa 'oche


Il canto a tenore è la più viva testimonianza delle radici arcaiche della cultura sarda. Una prova dell'origine arcaica di queste forme d'espressione popolare è rintraciabile su un vaso della civilizzazione di Ozieri, risalente a 3000 anni a.C. Le origini risalgono all'era nuragica, quando si è affermata una civiltà pastorale con connotazioni e caratteristiche sociali del tutto particolari, naturalmente venendo in contatto con le altre civiltà evolute dell'epoca e conservandosi malgrado i profondi mutamenti sociali del dopoguerra.

Il "coro" è composto da quattro voci maschili soliste (non sono ammessi raddoppio delle parti né, ovviamente, l'assenza di uno dei quattro cantori). Alla "Oche" è affidata la linea del canto e dello svolgimento del testo verbale (di solito poesie amorose di gusto arcadico e componimenti improvvisati che traggono spunto da esperienze vissute): il timbro è tenorile o di baritono acuto; al grave, a distanza di quinta e con emissione vocale differenziata. Il "Bassu", guturale e ingolato, e il "Contra", cupo e sfocato; all'acuto un falsetto, "Mesu Oche", fiorisce la linea del canto. Le tre parti fanno blocco insieme e i suoni vengono emessi su nonsense come bombò, la-la e simili.

Ritroviamo molte affinità del canto polifonico Sardo - in particolare le voci gutturali e la ritmica asimmetrica, in canzoni dell'Oriente, dell'Africa e perfino dell'Oceania.

I Tenores non usano musica scritta: questa tradizione musicale-culturale è tramandata letteralmente di padre in figlio. Il loro canto è strettamente legato alla poesia improvvisata, anche se sono perfettamente in grado di eseguire brani costruiti su poesie scritte da autori classici della letteratura Sarda - del tutto misconosciuti dalla letteratura ufficiale Italiana. Le loro canzoni descrivono momenti della vita di tutti i giorni, del mondo agricolo-pastorale o artigianale, così come possono essere d'amore, sacre o anche satiriche. La tecnica del canto gutturale e quella del suono teso fanno scaturire, da queste polifonie, una miriade di armoniche (su concordu).

I Tenores per cantare, si dispongono a cerchio, a volte, nel corso dell'esecuzione, eseguono il ballo. Stretti e rigidi, tenendosi a braccetto, a passi cadenzati o saltellando, girando in tondo, simboleggiando col loro canto la forza, la coesione sociale che si prova dentro. Esiste un vero magnetismo ed una vera energia solare tra la terra granitica di Sardegna e il canto dei Tenores.

I TENORES DI BITTI, pur con una formazione a metà rinnovata, si riconfermano dunque come il migliore “vocal group” sardo e non solo, a testimonianza della bontà di una “scuola” che nel corso del tempo ha saputo guadagnarsi la stima e l’ammirazione di artisti quali Frank Zappa, Peter Gabriel, Lester Bowie, Ornette Coleman, i quali a più riprese hanno tessuto l’elogio del quartetto o ne sono rimasti talmente affascinati al punto di aver collaborato direttamente con esso.



eventi :
sabato 06 Febbraio 2016 - Rai 1
giovedì 20 Luglio 2017 - Globaltica Festival, Gdynia, Polonia
mercoledì 19 Luglio 2017 - Festival Suoni Mobili, Piccolo Museo della Tradizione Contadina di Bulciago
sabato 19 Agosto 2017 - Sarzana, Laboratorio Piazza De Andrè Folk Music Meeting
sabato 19 Giugno 2010 - Augusta, Germania

disponibilità : primavera /estate

mp3 : 01-AudioTrack 01.mp3



 

torna su