A.T.A. - ACOUSTIC TARAB ALCHEMY
(Tunisia/Italia)

AMRAT HUSSAIN BROTHERS TRIO
(India )

BOLLYWOOD MASALA ORCHESTRA - Spirit of India
(India)

CUSTODIO CASTELO
(Portogallo)

DHOAD I GITANI DEL RAJASTHAN
(Rajasthan, India)

FORRÓ MIÓR
(Argentina/Brasile/Italia/Portogallo)

GIACOMO LARICCIA
(Italia)

HOUCINE ATAA
(Tunisia)

JAIPUR MAHARAJA BRASS BAND
(India)

JOHANNA JUHOLA
(Finlandia)

LA ETRURIA CRIMINALE BANDA
(Italia)

LOS PACHAMAMA
(Messico)

LUISA COTTIFOGLI
(Italia)

MATT DARRIAU'S PARADOX TRIO
(Stati Uniti)

MOHAMMAD REZA MORTAZAVI
(Iran)

MORGANE JI
(La Réunion)

SHENG DON (A MOVING SOUND)
(Taiwan)

TENORES DI BITTI Remunnu 'e Locu
(Sardegna)


HOUCINE ATAA




Houcine Ataa è nato a Tunisi il 1971 da una famiglia di musicisti di antica tradizione. Il padre, intellettuale tunisino, compone versi e musica sufi. Consegue la maturità classica (baccalaureato), studia canto arabo al Conservatorio di Tunisi Sidi Saber dove si laurea in “Musica Araba” nel 1993. Frequenta la Scuola di Tunisi di Canto Coranico. Nel 1990 consegue la Carta Professionale Artistica che in Tunisia autorizza a cantare sufi.

Dal 1988 al 1992 lavora sul canto andaluso (melouf) e si esibisce con il gruppo Tacht Arabi che fa capo al Ministero della Cultura di Tunisi. In Tunisia ha partecipato a molti festival sia di musica popolare araba che sufi, tra cui il Festival di Cartage (1994).

E’ in Italia dal 1998. Esordisce nel 2000 al Teatro Argentina di Roma come cantante e attore nello spettacolo “Il Corano”, con Marisa Fabbri, regia di Cherif. Dal 2002 fa parte, come cantante arabo solista, dell’Orchestra di Piazza Vittorio, diretta da Mario Tronco, band multietnica di worldmusic. Con l’OPV si esibisce in concerti, oltre che in Italia, in molte parti del mondo tra cui Stati Uniti, Australia, Argentina, Canada, Inghilterra, Francia, diversi paesi arabi.

Nel febbraio 2016 fonda con Simone Pulvano, Gaia Possenti e Bruno Zoia il nuovo gruppo A.T.A. (Acoustic Tarab Alchemy)
A.T.A. nasce dalla volontà del cantante tunisino di dare forma e suono ai canti sufi con cui è cresciuto e da cui è stato permeato. La spiritualità islamica oltrepassa così i confini della tradizione per incontrarsi e fondersi con linguaggi diversi e apparentemente lontani: le note di un pianoforte jazz creano il sentiero attraverso cui risuonano versi e parole che sembrano fermare il tempo; il contrabbasso e le percussioni dialogano affidandosi a ritmiche e timbri del mondo musicale arabo e africano dando vita così a una alchimia acustica che non si lascia definire, sfiora il tarab, concede l’estasi.
Il canto sufi intraprende un viaggio, diventa contemporaneo, jazz, senza perdere la sua natura, le sue origini.
Nel febbraio 2018 esce l’omonimo cd Acoustic Tarab Alchemy per l’etichetta americana Odradek Records con distribuzione mondiale.

Guarda il video



eventi :
venerdì 24 Agosto 2018 - LAC - Lugano
domenica 13 Agosto 2017 - Sega di Ala, Ala (TN)

disponibilità : a richiesta

mp3 :



 

torna su